GRANDE SUCCESSO PER IL PREMIO “FACCE DA SPOT” IDEATO DA GRAZIANO MARIA SCARABICCHI E MAXIMILANO GIGLIUCCI

 Presso la Sala della Protomoteca in Campidoglio, il 14 Settembre si è svolta la seconda edizione del PREMIO FACCE DA SPOT, ideato da Graziano Maria Scarabicchi e Maximiliano Gigliucci, organizzato e prodotto da BUUUBALL OFF COLORS, dedicato ai personaggi del mondo dello spettacolo oggi sempre più testimonial di campagne pubblicitarie commerciali, istituzionali e sociali.

Una giuria qualificata composta dal presidente Maurizio Costanzo insieme a Luca Argentero, dal produttore Andrea Mazzoni (Ballandi Multimedia) e Lorella Ridenti, ha selezionato e premiati attori e personalità dell’intrattenimento audiovisivo (fra i quali SIMONA VENTURA, SERENA AUTIERI, NERI MARCORE’, RICKY TOGNAZZI, MARISA LAURITO, MASSIMO LOPEZ, GABRIELE MAINETTI, CIRO PRIELLO & FABIO BALSAMO, ANNA FALCHI, PAOLO CONTICINI, ROSSELLA BRESCIA, STEFANIA ORLANDO, EMANUELA FOLLIERO, ASCANIO PACELLI E FAMIGLIA).

IL PREMIO FACCE DA SPOT 2022, NELLA CATEGORIA TALENT, È STATO ASSEGNATO A GIOVANNA GOGLINO E SIMONE FINOTTI, volti noti ed eclettici di molti spot televisivi.

Come direttore della fotografia è stato premiato Daniele Ciprì e per il make up Simone Belli, considerato il guru della star e per il premio “made in Italy” Pascal Vicedomini 

PAOLO BONOLIS, FLAVIO INSINNA, BRUNO PIZZUL, FILIPPO MAGNINI, sono alcuni degli artisti che hanno ricevuto il premio e che attraverso la proiezione di contributi audiovisivi hanno ringraziato pubblico, giuria e organizzatori.

L’evento è stato patrocinato dal MIC, Regione Lazio, Presidenza del Consiglio Regionale del Lazio, Roma Capitale, Roma Lazio Film Commission e SIAE), e presentato dai giornalisti PINO STRABIOLI e MONICA MARANGONI. 

Ringraziamenti all’On. Presidente Commissione Capitolina, Svetlana Celli, all’ Assessore alla Cultura di Roma Capitale, Miguel Gotor e all’Assessore ai grandi eventi, sport e moda, Alessandro Onorato per aver ospitato la seconda edizione di FACCE DA SPOT.

Photo credit Daniele Butera

PREMIO LE MASCHERE DEL TEATRO ITALIANO AI TALENTS DI ACCADEMIA COSTUME & MODA



Accademia Costume & Moda (ACM), dopo il debutto di Spoleto, allo storico Teatro Gian Carlo Menotti, porta sul palco del Piccolo Teatro Strehler di Milano le creazioni firmate da sette giovani allievi dell’Accademia, per “Il berretto a sonagli”, di Luigi Pirandello, con la regia e sceneggiatura di Gabriele Lavia, uno dei più grandi maestri del teatro italiano.

Gli allievi-costumisti Matilde Annis, Carlotta Bofalini, Flavia Garbini, Ludovica Ottaviani, Valentina Poli, Stefano Pio Ritrovato, Nora Sala hanno realizzato i costumi all’interno dei laboratori della Sartoria Farani di Roma, una delle più importanti sartorie teatrali riconosciute a livello internazionale.

In questa occasione, si sottolinea l’impegno di Gabriele Lavia nel supporto dei giovani talenti, scegliendo di affidare lo sviluppo e la realizzazione dei costumi agli studenti del Diploma Accademico di I livello in Costume & Moda di ACM, seguiti in tutte le fasi dal Maestro Andrea Viotti (coordinatore Master di Primo Livello L’arte e il Mestiere del Costumista, docente Diploma Accademico di Primo Livello in Costume e Moda, Direttore del Dipartimento Costume di Accademia Costume & Moda).

Un’opportunità unica, che ha permesso agli studenti di interfacciarsi con le diverse fasi di realizzazione dei costumi: dallo spoglio della sceneggiatura, ricerca e analisi del periodo di riferimento, bozzetto e tessuti, budget, rapporti, taglio, costruzione, lavorazione, fino al confezionamento finale.

Il Final Work degli studenti sottolinea il legame di continuità tra Didattica e Lavoro e si inserisce, a più ampio respiro, in un Progetto-Costume che permette ai giovani costumisti di fare un’esperienza all’interno di una produzione reale, realizzando costumi che prendono vita, interpretati da attori professionisti e, in questo caso, nel corso di una tournée teatrale che, partita da Spoleto, approda a Milano, per continuare poi nelle città di Thiene, Legnano, Castelfranco Veneto, Torino, Savona, Cattolica, per concludersi infine a Firenze.

Dichiara, Andrea Viotti: “E’ importante per me che gli studenti abbiano sin da subito la chance di mettersi alla prova e sperimentare sul campo le conoscenze e il saper fare appreso durante il loro corso di studi. Sin da giovane sentivo che si voleva dare spazio ai nuovi talenti, cosa che raramente accadeva. Io, con queste collaborazioni, voglio dare realmente delle possibilità agli studenti di Accademia di iniziare a lavorare con grandi Maestri e avviare la loro carriera professionale.”

“COCCODIMAMMA” IN SCENA AI GIARDINI DELLA FILARMONICA A ROMA

Anime che si incontrano nell’aldilà: madri e figli aperti a confessioni e chiarimenti. Dolori e gioie di una vita trascorsa vengono a galla, con dettagli di violenza ed abusi taciuti. Tre giovani vite spezzate si ritrovano per raccontarsi nell’angosciato tentativo di espiare la loro sofferenza. Madri complicate che interrompono il dolce scorrere di un’infanzia serena con le loro frustrazioni e perversioni.

Legami profondi e travagliati tra madri e figli vanno in scena Venerdì 26 Agosto 2022 alle ore 21.30 presso i Giardini della Filarmonica di Via Flaminia 118 a Roma. Si intitola COCCODIMAMMA lo spettacolo scritto, diretto ed interpretato da Antonello De Rosa, ambasciatore del teatro nel mondo, che affronta luci ed ombre dell’amore materno. La pièce teatrale è inserita nel programma del festival I Solisti del Teatro giunto alla sua trentottesima edizione, sotto la direzione artistica di Carmen Pignataro.

“Vite messe al mondo, offese ed umiliate, che si cullano in silenzi rumorosi” – spiega De Rosa – “Spettri inquieti mai guariti da ferite inferte dal passato. Anime lacerate da una figura che dovrebbe donare amore e protezione secondo natura che in alcuni casi si trasforma in carnefice. Bambini ai quali è stato impedito di diventare adulti e di coltivare valori ed ideali”.

COCCODIMAMMA è una scrittura scenica dai toni forti e drammatici pensata da De Rosa che ha trovato ispirazione nelle opere dei drammaturghi della scuola napoletana: Peppe Lanzetta, Annibale Ruccello, Enzo Moscato e Francesco Silvestri. 

Per questa rappresentazione De Rosa sceglie una scenografia essenziale e pressoché vuota, puntando su atmosfere di luci ed ombre ed affidando alla sola parola e alla gestualità ogni espressione. La musica sostiene il dialogo tra toni acuti e cupi. 

In scena accanto e diretti da De Rosa, Margherita Rago e Renato Rescigno.

COCCODIMAMMA è lo specchio di una realtà morbosa, a tratti malata che fa eccezione in un rapporto madre-figlio” – sottolinea l’autore – “Ho voluto introdurre i dialoghi dei grandi autori appartenenti alla drammaturgia teatrale per coglierne la potenza così da rimarcare i sentimenti trascendenti di ossessione e possessione. L’intenso e complicato rapporto viene evidenziato sulla scena da dialoghi drammatici e, al contempo, esilaranti”. 

Il festival I Solisti del Teatro gode del sostegno della Fondazione Claudio Nobis, del Comune di Roma, di Artisti 7607.

 

Per info e prenotazioni: I Solisti del Teatro_ Via Flaminia 118 (Piazza del Popolo), teatronovantuno@gmail.com tel.: 3807862654www.isolistidelteatro.it

Biglietti: intero 15 euro, ridotto 13 euro (età under 25, over 65 – gruppi oltre 10 persone 10 euro). Orario botteghino: 19.00-22.00.

AI GIARDINI DELLA FILARMONICA “PER SEMPRE” DI ANTONELLO DE ROSA


 

“Chiudi gli occhi, no, non guardare. Per amare bisogna darsi”, è il messaggio dell’attore e regista Antonello De Rosa che riassume il pensiero centrale della pièce, in prima nazionale, Per Sempre di Giovanni Testori in scena Sabato 6 Agosto 2022 alle ore 21.30presso i Giardini della Filarmonica di Via Flaminia 118 a Roma

De Rosa – ambasciatore del teatro nel mondo – dirige sul palcoscenico le attrici Elena Croce ed Antonella Valitutti nel primo dei due appuntamenti da lui curati inseriti nel programma del festival I Solisti del Teatro giunto alla sua trentottesima edizione con la direzione artistica di Carmen Pignataro.

Per sempre – poesia del 1970 – racconta la storia di un amore che va oltre la morte. Il ricordo si accende ed alimenta la passione. 

Giovanni Testori – scrittore, giornalista, poeta, critico d’arte e letterario, drammaturgo, sceneggiatore, regista teatrale e pittore italiano del ‘900 – racconta nei suoi versi l’amore, il perdono e la rinascita.

Elena Croce, attrice intensa e straordinaria proveniente dalla scuola di Strehler, da voce alle parole emozionanti e profonde di Testori.  La scelta del testo per I Solisti del Teatro da parte del regista nasce dalla volontà di mettere al centro della drammaturgia la parola in tutta la sua potenza. “Si ritorna alla parola, alla sola parola”, sottolinea De Rosa.

Sul palco, accanto a Croce, anche l’attrice Antonella Valitutti, che rappresenta l’alter ego giovanile della protagonista. Il racconto di un amore intenso, che è stato e che vivrà nel ricordo dell’amato. A fare da collante la danzatrice Alessandra De Concilio.    

“Trovare il suono, quel suono che possa restituire il peso assolutamente fisiologico che sprigiona la parola del poeta” – spiega il regista – “Testori canta le sue contraddizioni, la sua ossessione del corpo. Il corpo dilaniato dall’amore carnale si trasforma in musica, canto, lirica. Un Dio incombe con la sua severa presenza anche dopo averlo scacciato lontano. Un battesimo, un’unzione definitiva e letale da cui non è possibile strappare la propria anima. Il Dio-peccato urla il suo anatema lacerando le carni dei dannati. Ma il corpo. La dolcezza di quel giovane corpo che lenisce ogni male e che nutre quella condizione illusoria tanto necessaria e disperata alla ostinata sopravvivenza. Il balsamo che disperde è nutrimento all’anima solitaria e derelitta. Abbandonarsi alla demente speranza, anche se la perdita, il lutto, ci avvinghiano già dal primo alito di passione”.

Il festival I Solisti del Teatro gode del sostegno della Fondazione Claudio Nobis, del Comune di Roma, di Artisti 7607.

Per info e prenotazioni: I Solisti del Teatro_ Via Flaminia,118 (Piazza del Popolo), teatronovantuno@gmail.com tel.: 3807862654www.isolistidelteatro.it

Biglietti: intero 15 euro, ridotto 13 euro (età under 25, over 65 – gruppi oltre 10 persone 10 euro). Orario botteghino: 19.00-22.00